Isola Sant' Antioco
L’ isola di Sant’Antioco è collegata alla Sardegna da un istmo. Qui, mare e laguna si alternano dando vita a ecosistemi delicati e ricchi, specie negli specchi tranquilli della Laguna di Santa Caterina e delle Saline.
Abitata dai Fenici nel 770 a.C., invasa dai Berberi e poi controllata dai Romani, Sant’Antioco è stata approdo dei primi navigatori del Mediterraneo. Nell’ isola sono presenti, oltre ai due paesi di Sant’Antioco e Calasetta, spiagge e scogliere bellissime. Partendo dalla cittadina di Sant’Antioco, le spiagge della costa orientale, che affacciano sul Golfo di Palmas, non sono lontane .
La prima che si incontra è Portixeddu, una caletta di sabbia fine e ciottoli. Poco oltre c’è Maladroxia, tra le più frequentate dalle famiglie per il fondale basso e sabbioso . A pochi chilometri raggiunto il bivio di Cannai, la scelta, sulla destra l’ incantevole spiaggia di Coaquaddus, continuando diritto l'insenatura di Cala sapone.

Superato invece il paese di Sant’Antioco , percorrendo la ss.126, dopo una decina di chilometri, si arriva a Calasetta, situata davanti all’ isola di S.Pietro. Le tre spiagge a nordovest del paese: Sottotorre, Le Saline e Spiaggia Grande hanno sabbia bianchissima e mare effetto caraibi. Lungo la costa occidentale, andando da nord a sud, la scogliera è frastagliata, con scorci spettacolari.